Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 ottobre 2012 2 30 /10 /ottobre /2012 14:40
Se Corbusier le definì “la più bella architettura naturale del mondo” un motivo c’è. Anzi, più d’uno: le Dolomiti sono una vera costruzione, formatasi nel tempo grazie alle alghe e alle barriere coralline, e sono così straordinarie da non temere confronti. Le dimensioni, la composizione e la ricchezza del paesaggio, amplificata da colori senza eguali, ne hanno fatto una meta di artisti da tutto il mondo ma soprattutto hanno permesso il maggior riconoscimento da parte dell’Unesco, che nel 2009 le ha proclamate Patrimonio naturale dell’Umanità.  
Di giorno sono visitate dagli amanti dell’alta montagna, che le scelgono per escursioni in estate e lunghe sciate in inverno; la sera si colorano di rosa per l’affascinante fenomeno detto “enrosadira”, che pare avere origini leggendarie. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le storie mitiche sono infatti tra le principali protagoniste di queste cime, e ancora oggi il popolo delle Dolomiti le ama raccontare: è sulCatinaccio (in tedesco Rosengarten, ovvero Giardino delle rose) che si narra vivesse il potente re Laurino, così amante delle rose da coltivare con passione un giardino ad esse dedicato.

Cantinaccio (osegarten) al tramonto con il suo colore rosa per l'incantesimo di re Laurino.

Innamoratosi della principessa Similda, ma osteggiato dalla di lei famiglia, si vendicò dell’arresto ad opera del fratello facendo un incantesimo: nessuno avrebbe più potuto godere della vista delle rose né di giorno, né di notte. 

Si dimenticò però del tramonto, ed ecco perché al calar del sole il Catinaccio si colora delle tinte di quegli splendidi fiori.
Un’altra leggenda narra di un mago che, innamorato di una sirena del Lago di Carezza, riempì di pietre preziose un arcobaleno tra il Catinaccio ed il Latemar per conquistarla. Lei ammirò le lucenti gemme, ma quando si accorse della presenza del mago scomparve nel lago. Lui gettò allora l’arcobaleno nel lago, che ancora oggi risplende con i suoi fantastici colori. 

E all’origine della definizione di “monti pallidi” c’è un’altra mitica storia. Il figlio di un re aveva come sogno quello di andare sulla luna. Un giorno si perse nel bosco e decise di passarvi la notte, sognando una bellissima ragazza che gli disse di essere la figlia del re della Luna. Al risveglio, deluso, cominciò a seguire delle voci che provenivano da una rupe; arrampicandosi, trovò una porta e due vecchietti lo accolsero dicendo che avrebbero potuto accompagnarlo sulla luna, aggiungendo però che la sua luce avrebbe potuto farlo diventare cieco. Il principe salì e trovò la ragazza del sogno; stette con lei a lungo, ma gli occhi cominciarono a bruciare  e perciò decise di tornare portandola con sé. Lei diffuse sulla terra i fiori del suo mondo, che vennero chiamati “stelle alpine”, ma a breve sentì il bisogno di tornare sulla luna per la troppa nostalgia. Il principe, disperato, andò ad abitare sui monti per esserle più vicino e un giorno incontrò il re Laurino, sovrano dei nani Salvani, che gli promise di aiutarlo a patto che il principe lasciasse vivere sulle montagne il suo popolo. Il patto fu stretto, e i piccoli abitanti cominciarono a filare i raggi della luna, fino a tessere l’intera montagna. Tutto fu meravigliosamente bianco, la principessa tornò dall’amato e le montagne presero il nome di “monti pallidi”.


La loro nascita pare risalire a 200 milioni di anni fa, quando cominciarono ad ergersi dal mare di Teti, maestose e bizzarre per forma, colore e composizione. Fu il geologo Deodat de Dolomieu a scoprire nel 1791 il perché del loro “pallore” (e ad avere l’onore di dar loro il proprio nome): il carbonato doppio di calcio e magnesio di cui è formata la loro roccia (da quel momento chiamata, appunto, “dolomia”) le rende più chiare dei monti vicini. 
Altri scienziati nei secoli scorsi si sono occupati di queste cime, seguiti da esperti scalatori desiderosi di conquistarle (i viennesi Paul Grohmann e Emil Zsigmondy su tutti), ma è soprattutto dopo i film del regista gardenese Luis Trenker che nel XX secolo la loro fama ha raggiunto il mondo intero. 

 Il "re degli ottomila" Reinhold Messner, altoatesino doc, ha sempre affermato che il fascino delle cime dolomitiche non ha paragoni, tanto da affermare che “non sono le più alte, ma sicuramente sono le montagne più belle del mondo”; lo scrittore e pittore Dino Buzzati ne ha fatto una fonte di ispirazione per i propri libri e quadri.

Tra le Dolomiti sono stati girati vari film, tra cui Dracula di Roman Polanski (1967),L’ultimo imperatore di Bernardo Bertolucci (1987), James Bond – Solo per i tuoi occhi (1981), Cliffhanger con Silvester Stallone (1993), The italian job (2003) e la serie tv Un passo dal cielo con Terence Hill (2010).

Condividi post

Repost 0
Published by lalchimista - in Parchi e Monumenti
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens