Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
16 ottobre 2012 2 16 /10 /ottobre /2012 18:30
Repost 0
Published by lalchimista - in video pubblicità
scrivi un commento
16 ottobre 2012 2 16 /10 /ottobre /2012 17:50

 

6598825203_2fe2cffce4.jpgCome sfruttare i rifornimenti in modo intelligente, fino all'ultima goccia? Lo E' stato chiesto ad Angelo Onorati, professore di Macchine e Energy Systems al Politecnico di Milano e coordinatore di un gruppo di ricerca specializzato in motori a combustione interna.

1- Evitate le brusche accelerazioni. «La guida sportiva sarà anche divertente, ma comporta un maggiore consumo di combustibile (sia esso benzina o gasolio) perché costringe il motore a risposte pronte e prestazioni elevate. Una guida regolare fa risparmiare parecchio carburante» spiega Onorati.

2- Moderate la velocità di crociera. Una volta ridotte le accelerazioni e raggiunta una velocità costante, anche la velocità media in chilometri orari influirà sul consumo di benzina. «Lo stesso tratto di autostrada percorso a 90 anziché a 120 chilometri orari farà risparmiare combustibile. A velocità elevate, infatti, aumentano notevolmente le resistenze aerodinamiche e quindi il consumo».

3- Spegnete il motore durante le soste prolungate. «Spegnere il motore durante un carico-scarico o una sosta, in generale nelle fermate di mezzo minuto o più, comporta un certo risparmio».

4- Attenzione al climatizzatore. «Il condizionamento dell'abitacolo è responsabile del consumo di un piccolo surplus di energia. Il ciclo frigorifero infatti assorbe l'energia elettrica prodotta a bordo dal motore». Quando raggiungete la temperatura desiderata, quindi, spegnete l'impianto di raffrescamento/riscaldamento per evitare di richiedere al motore un lavoro extra.

5- Chiudete i finestrini. «Con i finestrini aperti si avrà una maggiore resistenza aerodinamica all'avanzamento del veicolo» continua Onorati «chiudendoli, l'aerodinamica migliora».

6- Controllate la pressione degli pneumatici. «Le gomme sgonfie comportano una maggiore superficie di contatto tra la gomma e l'asfalto. Durante il rotolamento su strada, quindi, la ruota determinerà una maggiore resistenza».

7- Non andate "su di giri". Meglio inserire una marcia più alta anziché "tirare" il motore con una marcia più bassa. «A regimi più alti peggiora il rendimento meccanico del motore» chiarisce Onorati «meglio mantenersi nel campo dei regimi medio bassi».

8- Rinunciate ai carichi superflui. Appesantire l'automobile con più passeggeri è un conto (meglio riempire una macchina sola che utilizzarne due), trasformare il bagagliaio in un ripostiglio di oggetti inutilizzati è un altro. «Durante i transitori, come per esempio in fase di accelerazione, un veicolo a pieno carico consuma di più perché si richiede al motore un'elevata prestazione» specifica Onorati «mentre poco cambia a velocità costante».

9- Ibrido è meglio. L'uso di veicoli ibridi di vario genere, che prevedano un motore elettrico oltre a quello a combustione interna, è una scelta oculata nell'ottica del risparmio di carburante. «Il motore elettrico si comporta sia come motore vero e proprio, lavorando in parallelo con il motore a combustione termico, sia come generatore di corrente» spiega Onorati. «In tal caso è in grado di effettuare la cosiddetta frenata rigenerativa, rallentando il veicolo e convertendo la sua energia cinetica in elettricità, che può poi essere riutilizzata a bordo. Il motore elettrico si comporta cioè come generatore, in un modo analogo a quello che avviene con la dinamo delle biciclette. Questo sistema consente una riduzione di consumi che va dal 5 all'8%».

10- Lasciate l'auto in garage. Sembrerà scontato, ma il risparmio maggiore si ha rinunciando alle quattro ruote a favore di una camminata, di un giro in bici o in metropolitana. «Ridurre l'uso del veicolo è il consiglio migliore che possiamo dare e senza dubbio la via di risparmio più efficace» conclude Onorati. Ciò che fa meglio all'ambiente, in altre parole, gratifica anche il nostro portafogli.

Repost 0
Published by lalchimista - in Accessori e Ricambi
scrivi un commento
16 ottobre 2012 2 16 /10 /ottobre /2012 16:31
Repost 0
Published by lalchimista - in video pubblicità
scrivi un commento
16 ottobre 2012 2 16 /10 /ottobre /2012 10:05

La bicicletta che potrebbe cambiare le sorti del mondo è fatta quasi interamente di cartone riciclato. L'idea arriva da un imprenditore israeliano, Izhar Gafni, 50 anni, che lavora al progetto da diversi anni: "Sono sempre stato affascinato dall'applicazione di tecnologie non convenzionali per materiali di diversa natura. Ho lavorato quattro anni per cancellare i punti deboli strutturali del cartone ondulato. Fare una scatola di cartone è facile e può essere molto forte e durevole, ma fare una bicicletta era estremamente difficile e ho dovuto trovare il modo giusto per piegare il cartone in diverse direzioni. C'è voluto un anno e mezzo e numerose prove prima di riuscirci". La bicicletta può diventare una vera e propria rivoluzione, sia in termini ambientali che economici: il suo basso prezzo di mercato bassissimo, circa 15 euro, potrebbe permettere la sua diffusione anche in paesi estremamente poveri e congestionati dal traffico, come l'India o l'Africa.

 

Il cartone, inventato nel diciannovesimo secolo come solido imballo per trasportare oggetti di valore, è composto da pasta di legno e solitamente non viene pensato come materia prima per oggetti resistenti. Nel caso del prototipo dell'israeliano, viene trattato con una miscela segreta fatta di materiali organici che lo rende impermeabile e dalle caratteristiche ignifughe e nella fase finale viene rivestito di vernice lacca. Il risultato è un veicolo altamente resistente e perfettamente rodato per la strada. Anche il meccanismo di frenata, le ruote e i cuscinetti dei pedali saranno realizzate con sostanze riciclate, ma Gafni non può ancora svelarne i dettagli a causa di problemi col brevetto in corso. Al momento sappiamo solo che le ruote non avranno necessità di essere gonfiate e avranno una garanzia di circa dieci anni. Ma la rivoluzione non finisce qui: l'utilizzo di materiali "verdi" annullerebbe del tutto i costi di produzione e questo potrebbe consentire che le biciclette vengano distribuite nei paesi poveri. Il costo di fabbricazione di ogni singola bicicletta sarebbe di nove dollari e il guadagno starebbe tutto nella pubblicità, vero fulcro del progetto. Le aziende che si impegneranno a finanziare la bici eco-sostenibile, infatti, avranno il loro logo affisso sul telaio e potranno così permettere una distribuzione su larga scala.

Repost 0
Published by lalchimista - in invenzioni e scoperte
scrivi un commento
15 ottobre 2012 1 15 /10 /ottobre /2012 18:44
Repost 0
Published by lalchimista - in video pubblicità
scrivi un commento
15 ottobre 2012 1 15 /10 /ottobre /2012 13:44

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ZWan3xWU5M0 (inserilo nel browser)

 

Felix Baumgartner ce l'ha fatta, ed entra nella storia come il primo uomo ad aver superato il muro del suono in caduta libera. Dopo un'ascensione di 2 ore e 37 minuti a bordo della speciale capsula che lo ha portato a 39.045 metri (2500 metri in più alto di quanto originariamente previsto), l'austriaco ha aperto il portellone e si è buttato dalla stratosfera.

Oltre il muro del suono. In poche decine di secondi ha superato la velocità del suono (1110 km/h), toccando la velocità record di 1342 km/h,  per poi aprire il paracadute dopo 4 minuti e 19 secondi di caduta libera. Dopo altri 4 minuti Felix ha toccato terra, tra l'entusiasmo del suo staff che lo ha seguito dal centro controllo missione di Roswell, nel New Mexico. In tutto il volo è durato 9 minuti e 3 secondi.
Nella prova non sono mancati i momenti di tensione: il primo pochi secondi dopo il lancio, quando Felix ha iniziato a ruotare vorticosamente su se stesso impiegando qualche istante per riprendere il controllo del suo corpo (e la diretta video ha sfumato per alcuni secondi sulla sala di controllo); il secondo quando ha improvvisamente smesso di parlare, subito dopo aver superato il muro del suono, probabilmente affaticato per l'incredibile sforzo.
Una volta toccato il suolo Baumgartner si è inginocchiato ed è stato immediatamente raggiunto in elicottero da alcuni dei suoi tecnici e dai medici. 

Tutti i record di Felix. Anche se mancano ancora le conferme ufficiali, con questo incredibile salto Felix ha conquistato in una volta sola almeno 3 record:
- il suo pallone è quello che è arrivato alla maggior altezza mai registrata fino ad oggi con un equipaggio umano
- il salto è stato il più alto mai tentato
- è stato il primo uomo a superare il muro del suono a corpo libero

Il lancio di Baumgartner ha coinciso con il 65esimo anniversario dello storico volo di Chuck Yeager, il pilota americano che diventò il primo uomo a rompere il muro del suono a bordo di un aereo.

 

http://youtu.be/ZWan3xWU5M0  inserirlo nel browser per vedere il video.

Repost 0
Published by lalchimista - in Altri Sport
scrivi un commento
15 ottobre 2012 1 15 /10 /ottobre /2012 09:22
Repost 0
Published by lalchimista - in clima e ambiente
scrivi un commento
14 ottobre 2012 7 14 /10 /ottobre /2012 09:09

 

2168752257_a102a12297.jpg

La castagna di cui si conoscono svariate qualità, è notissima sin dall'antichità come "ghiande di Zeus" per le sue molteplici proprietà nutritive e terapeutiche, ancora oggi per molte popolazioni esse rappresentano un sicura rimessa alimentare ed un fonte di reddito duratura. La castagna non è un frutto, ma bensì il seme della pianta, ma lo sono invece i suoi ricci protettivi che contengono il sano alimento dal quale si estrae anche una farina molto utilizzata sia in cucina che in pasticceria, per i suoi enzimi zuccherini.

 

Inoltre le castagne sono ricche di fibre, di carboidrati e potassio, nonché di una serie di vitamine A- B che contengono proprietà curative ottime contro le anemie ed i cali di pressione sanguigna.  I suoi sali minerali rappresentano un valido aiuto per l'organismo umano in quanto pieni di fosforo, calcio e ferro molto utile per rafforzare la muscolatura e per combattere l'inappetenza.

 

La cura a base di castagne è consigliata inoltre per la riduzione del colesterolo e per prevenire disturbi gastrici e stipsi renali. Rappresenta poi un ottimo alimento per i bambini, anziani e convalescenti o qualora essi vengono riscontrati allergici al latte di mucca, cosi come la sua farina impiegata nella preparazione di minestrine, risulta utilissima da somministrare a soggetti insoffererenti ai cereali.

 

Persino le bucce di castagna se impiegate in cosmetica per lucidare i capelli e rinforzarli, facendole bollire in un litro d'acqua per venti minuti e il succo applicato poi su di essi all'ultimo risciacquo, li fà brillare  in maniera naturale donando loro dei rilfessi splendenti. Quindi oltre alle sue qualità curative, la castagna offre numerose altre benemerenze persino nella bellezza del corpo. In molte Farm si eseguono con i suoi derivati, maschere lozioni e pediluvi rinvigorenti e tonificanti per tutto il corpo . 

 

Per le mani secche, ad esempio, vi sono ricette a base di crema di castagne frullate, mescolate ad un cucchiaio di miele e succo di limone, per ottenere delle mani morbidissime. Lo stesso risultato si ottiene spalmando il prodotto sulla pelle. L'impiego della castagna in cucina dimostra la sua grande duttilità nel creare innumerevoli piatti e ricette ed esistono numerose pubblicazioni in commercio che esaltano le sue qualità. Celeberrimo è il "castagnaccio" con tutte le sue variazioni regionali.

 

Per schiarire le indecorose macchie cutanee tipiche della vetustà, basta ammorbidire alcune castagne in acqua bollente,

schiacciarle con una forchetta e amalgamare poi il risultato con succo di limone, spalmato questo su di esse, spariranno.

Inoltre si possono curare i reumatismi con un decotto ottenuto coi i ricci delle castagne bolliti per circa 20 minuti. Il risultato va filtrato e versato nella vasca da bagno. Il risultato è garantito. Tutto ciò è il risultato di studi scientifici, come quelli del prof. Pol Henry padre della Gemmoterapia, nonché  di sana esperienza  popolare. 

Repost 0
Published by lalchimista - in Prodotti alimentari
scrivi un commento
13 ottobre 2012 6 13 /10 /ottobre /2012 12:43

 

4095740476_31d234a4dd.jpg

 

L'aglio è un dono della natura noto sin dalla preistoria e che la moderna ricerca scientifica ha elevato a valore taumaturgico per le molteplici proprietà benefiche dei suoi enzimi. Semba addirittura che siano stati rinvenute tracce nella tomba del faraone Tutankamon a testimonianza della  longevità del suo utilizzatore. Nella Roma antica esso era usato per la cura di infezioni, tumori, ferite, ecc. Raccomandato persino dal celebre medico Ippocrate.

 

Per chi non lo sa l'aglio è una pianta officinale che possiede molte proprietà e sostanze terapeutiche per l'organismo umano , quindi per queste caratteristiche è conosciuta sin dall'antichtà.  Una delle sue componenti principali è l'allicina, cioè una sostanza anticoaugulante capace di prevenire trombosi del sangue con gravi conseguenze per l salute.

 

Inoltre essa ha la capacità di ridurre il colesterolo notoriamente nemico della pressione sanguigna come è stato dimostrato in recenti studi che il suo estratto secco di aglio assunto in dose di 300 mg al giorno ha un'azione benefica sulla fluidificazione sanguigna e rende elastica la vena aorta, proteggendo efficacemente  il cuore dall'azione dall'aterosclerosi specie in soggetti diabetici, ipertesi e obesi.

 

L'aglio esercita una azione antibatterica contro microbi e germi che solitamente causano infezioni alle vie aeree con danni alla respirazione corporea. Il suo apporto è utile anche sui funghi che infettano la pelle come verruche e porri, se passata in soluzione pestata e la sua crema spalmata di di essi.

 

Usata nel controllo della pressione arteriosa, sia sistolica che diastolica,  gli esperimenti effettuati hanno dimostrato che la cura con l'aglio di circa 3 mesi con il suo estratto secco induce i valori pressori ad un calo sostanziale riportandoli sotto misure compatibili con quelli prescritti.  Ma è sconsigliato l'uso durante la gravidanza e allattamento . 

 

Da un recente studio dell'università di Berlino è stato reso noto che  le qualità dell'aglio sono in grado di purificare le arterie meglio del colesterolo buono, il cosidddetto HDL . Loro colleghi ricercatori del Weinzmann Institute of Scienze di Israele sostengono che le vitamine estratte dall'aglio sono in grado di far regredire le cellule tumorali maligne. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Molecular Cancer Therapeutics.

 

Inoltre l'aglio è molto ben utilizzato nella cucina mediterranea per le sue proprietà depurative. Somministrato in piccole dosi è un aroma utilissimo e la sua pastetta  se è accompagnata al sidro di mele, diventa un afrodisiaco e inibisce il morso delle zanzare. Abbinato col biancospino è ottimo per combattere l'ansia e lo stress. Esperienze contadine consigliano di usare l'aglio in bulbi freschi molto più salutari per sfruttare meglio tutti i suoi principi attivi, cuocendolo invece perde quasi tutte le sue proprietà terapeutiche. I suoi enzimi più noti sono il bisolfuro di allilpropile ,di attile, di divinile, l'allitiosolfinico e altri polisolfuri allici, ecc.

 

 

Repost 0
Published by lalchimista - in Accessori e Ricambi
scrivi un commento
13 ottobre 2012 6 13 /10 /ottobre /2012 10:33
Repost 0
Published by lalchimista - in video pubblicità
scrivi un commento

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens