Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 luglio 2011 5 15 /07 /luglio /2011 17:38

 

46411 RaftingSempre più spesso si sente parlare di persone rimaste coinvolte in vacanze rovinate o peggio truffa, perché non hanno trovato sul posto la struttura illustrata, oppure di un livello inferiore da quello prospettato nei vari cataloghi e per il quale si è pagato profumatamente ed in anticipo. Come difenderci? Questa è una piccola guida per come rimediare a queste situazioni truffaldine.

Prima cosa, prima di partire, verificare nei limiti del possibile, tutto ciò che è previsto nel contratto o nel catalogo proposto e magari conservarlo. L'eventuale condizione per il diritto di recesso. Ricordarsi che non sono ammessi aumenti improvvisi negli ultimi 20 giorni dalla partenza e se sono aumenti ingiustificati si può ottenere l'annullamento della prenotazione..

Oggi esiste un decreto legge del 6 settembre 2005 del cosiddetto Codice del Consumo che tutela il consumatore che non abbia potuto godere della vacanza pagata a causa di disservizi imputabili all'organizzatore del viaggio o a lui riconducibili.

Infatti l'art.93 del citato decreto legge stabilisce esattamente che "in caso di mancato o inesatto adempimento delle obbligazioni assunte con la vendita del pacchetto turistico, l'organizzatore e il venditore sono tenuto al risarcimento del danno secondo le rispettive responsabilità se non provano che il mancato o inesatto adempimento è stato determinato da impossibilità della prestazione a causa di eventi non imputabili a loro negligenze".

L'eventuale risarcimento del danno prevede sia quello patrimoniale (il rimborso di tutti i costi sostenuti per i servizi non resi), sia il danno morale come stabilito dalla sentenza del Tribunale di Torino del 28.11.1996.

Però per ottenere ciò, va inoltrato il reclamo dal danneggiato con una raccomandata r.r. al tour operator entro e non oltre 10 giorni dal rientro dal luogo di partenza, allegando copia del contratto, foto, scontrini, testimonianze, certificati, e tutti quei pagamenti sostenuti e documentati dei danni subiti, compresi quelli alle persone.

Bisogna anche avvisare telefonicamente l'agenzia segnalando i vizi della struttura ricettiva.

Se in caso di mancata risposta o insoddisfacente, il danneggiato si può rivolgere ad una associazione di consumatori che contatta il tour operator per ottenere una conciliazione.

Se anche cosi non si ottiene soddisfazione il consumatore può inoltrare richiesta di arbitrato presso la locale camera di commercio. Il diritto al risarcimento si prescrive dopo un anno dal rientro del viaggiatore nel luogo di partenza ed in tre anni in caso di sussistenza di danni alla persona.

I diritti dei turisti oggi sono maggiormente tutelati.

Riflessi e mare

Condividi post

Repost 0
Published by giuseppe esposito lalchimista - in Viaggiare
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens