Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
14 giugno 2011 2 14 /06 /giugno /2011 07:57

La festa dell'Epifania è una delle massime solennità religiose cristiane da sempre rappresentata dall'arrivo dei Re Magi a Betlemme guidati da una cometa per rendere omaggio al bambin Gesù recando doni e regali come oro, incenso e mirra. Ma portarono anche tappeti? Sembrerebbe di si.

La tradizione indica il numero dei Magi in tre, Gasparre, Baldassarre e Melchiorre, ma nel vangelo dell'apostolo Matteo non è precisato il numero ma solo che furono guidati dalla stella cometa.

Secondo una cronaca del tempo essi sarebbero stati almeno dodici e più, di cui alcuni non raggiunsero mai la grotta perché impossibilitati ad orientarsi, si smarrirono, ma tra quelli giunti dal "Re dei Giudei" vi fu chi portò in dono alcuni tappeti e altri numerosi regali. Ecco perché in alcuni dipinti rinascimentali viene rappresentata la Madonna col Bambino con sotto i piedi un tappeto annodato.

Inoltre in un Vangelo apocrifo ove vengono citati i Magi, come quello armeno il cui popolo vanta essere stato tra i primi cristiani d'oriente e come si evince poi da raffigurazioni incise in alcune catacombe locali, essi furono molti di più e donarono diversi prodotti locali, pietre preziose, vari oggetti di vasellame e anche tappeti.

Possiamo ragionevolmente pensare anche oggi che i notabili di quel tempo partecipassero in molti a quell'evento prodigioso, provenendo da tutti gli angoli dell'Asia e da luoghi di manifatture di tappeti da tempi atavici.

Inoltre il tappeto annodato ha sempre simboleggiato regalità e referente rispetto e nel Vangelo si legge che i discepoli al Suo ingresso in Gerusalemme, non avendo tappeti perché poveri, "stesero i loro mantelli" .

Anche Marco Polo nel suo "Milione" accenna a tale evento e parlando del suo viaggio come ospite delle "yurte" dei nomadi, riferisce di tessuti colorati stesi a terra sui quali dormivano.

Pertanto è ragionevole pensare che ciò che dicono le cronache dell'epoca circa i tappeti portati al Nascituro, immortalati in rappresentazioni pittoriche e disegni lasciati nelle catacombe, ripresi poi da grandi artisti come Lorenzo Lotto che in tutti i suoi dipinti riprende tappeti orientali con disegni e iscrizioni cufiche, tipiche delle manifatture armene.

Comunque i "rumors" degli storici dell'epoca sembrano accreditare tale tesi che il "Re dei Re" fu destinatario di manufatti annodati a mano e non vi sono controindicazioni nelle scritture conosciute che smentiscono questa ipotesi, ma solo elementi di veridicità in tal senso, quindi è molto probabile che ciò sia esatto.

coral coastLos Reyes Magos

Condividi post

Repost 0
Published by giuseppe esposito lalchimista - in Accessori e Ricambi
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens