Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 giugno 2011 7 05 /06 /giugno /2011 22:11

2573140673_29bc31e85b.jpgMolto spesso i tappeti orientali recano scritte, firme, date ecc. ma sono da considerarsi più pregiati o no. Le iscrizioni possono essere considerate motivo di maggior prestigio del manufatto? Questo articolo vuole rispondere a questi interrogativi.

Non è difficile oggi comprare dei tappeti che recano iscrizioni coraniche, firma dell'artigiano, date, numeri e altro che personalizzano molti esemplari come lavorazioni di Isfahan, Tabriz, Kashan, Kirman, Kum ecc. Questo fenomeno della firma avviene più facilmente nei citati tappeti cosiddetti "cittadini" mentre nelle manifatture nomadiche o tribali è più facile imbattersi in date o cartigli di citazioni.

Bisogna chiarire subito la situazione affermando che le firme e quant'altro rechi un tappeto NON sono assolutamente sinonimo di maggiore qualità, come affermano certi mercanti, per aumentare il prezzo dei loro manufatti, questo per eliminare qualsiasi dubbio in proposito e chiariremo il perché.

Come molti artisti, vedi i pittori, amano firmare le loro opere per renderle riconoscibili ad uno stile di pittura ed evitare la sua attribuzione ad altro artista. Quindi anche nell'arte tessile del tappeto, vi sono alcuni maestri annodatori che amano firmare le loro produzioni come quelli menzionati. Ma come nella pittura, ciò non aumenta il valore dell'opera di ingegno.

La produzione dei tappeti di villaggio o tribali recano più spesso date o simboli in cima alle testate perché spesso i loro esecutori sono analfabeti o quasi e quindi imprimono nel tappeto la loro appartenenza etnica e culturale spesso citazioni coraniche. E' il loro modo di firmare.

Nel contempo esistono grandi maestri anche del passato che non hanno mai firmato i loro capolavori, ma ciò non ha mai sminuito il loro valore nel tempo, anzi.

Spesso troviamo anche datazioni incise nell'annodato con numeri arabi che indicano la data di esecuzione del tappeto. Ma ciò può ingenerare nell'acquirente la falsa convinzione di trovarsi di fronte ad un antico esemplare, invece niente di più falso, perché le date sono facilmente sostituibili, infatti basta alterare un numero per cambiare secolo, quindi diffidare sempre.

Ricordarsi poi che la datazione islamica è diversa dalla nostra perché parte dalla data dell'Egira, cioè la fuga di Maometto dalla mecca avvenuta nell'anno 622 d.C. quindi quando ci imbattiamo in una data sul tappeto attendibile per esempio il n. 1381 bisogna aggiungere il n. 622 ed avere la data esatta del tappeto cioè 2003.

chiesa russa a san remo

Condividi post

Repost 0
Published by giuseppe esposito lalchimista - in Accessori e Ricambi
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens