Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 febbraio 2014 3 26 /02 /febbraio /2014 19:28

Solo alcune donne hanno il punto G

Un docente di sessuologia de L'Aquila ha scoperto con una ecografia dove è collocato il punto G, che provoca l'estremo piacere nella donna. Ma non tutte lo hanno

a cura di Luna Crescente

1Si è tanto parlato del famoso punto G, quell'area della vagina di una donna che se stimolata provocherebbe un piacere molto profondo. Esiste? Non esiste?
Molte persone hanno espresso pareri contrastanti nel corso degli anni, da quando il ginecologo tedesco Ernst Grafenberg lo descrisse per la prima volta.
Ma finalmente c'è una soluzione a questa annosa questione. Il Punto G esiste sul serio. Ma non è in tutte le donne. Quindi soltanto alcune hanno la fortuna di possedere questa particolare caratteristica fisica che può far raggiungere l'orgasmo con più facilità.
Emmanuele Jannini, docente di Sessuologia Medica dell'Università de L'Aquila, ha fatto questa scoperta grazie ad una semplice ecografia.

Il professore ha condotto lo studio su alcune donne, facendo una distinzione tra quelle che avevano dichiarato di aver provato un orgasmo vaginale e quelle che non lo avevano mai provato.
Grazie ad una ecografia, Jannini ha potuto constatare come nelle prime donne “si riscontra una conformazione più ispessita della parete tra uretra e vagina fatta di corpi cavernosi della parte interna del clitoride, ghiandole, terminazioni nervose che usano il meccanismo biochimico dell'eccitazione maschile”.
2Quindi in parole povere questi ispessimento sarebbe il tanto desiderato Punto G.
Questo studio è stato pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, una delle più importanti riviste di sessuologia medica.

Secondo il docente il ritardo di questa scoperta, che è stata fatta grazie ad una semplice tecnica, è una dimostrazione del “ritardo culturale sulla sessualità femminile”.
Ed aggiunge: “sul punto G abbiamo preferito un dibattito fatto di opinioni e non di scienza, io stesso ho tenuto per due anni i miei risultati nel cassetto prima di pubblicarli”.
A ulteriore dimostrazione di questo ritardo nello studio della sessualità della donna, c'è il fatto che“nessuno prima d'ora aveva usato l'ecografia per indagare questo aspetto ancora così poco conosciuto dell'anatomia femminile”.

Una scoperta importante che può dar la conferma a molte ragazze di poter avere orgasmi vaginali.
Per il professor Vincenzo Giambanco, presidente della società italiana di ginecologia, questa è soltanto una conferma di qualcosa che già si sapeva da anni. La vera novità consiste nel fatto che questo ispessimento dell'anatomia femminile è stato visualizzato tramite una semplice ecografia.
puntoG3Inoltre potrebbe essere una buona notizia per le donne che scoprono di averlo e potrebbe avere “conseguenze devastanti per una donna che dovesse apprendere di non averlo”. Ma alla fine potrebbe essere un problema di natura psicologica più che un vero e proprio problema fisico.

Infatti non avere il punto G non preclude la possibilità di riuscire a raggiungere il piacere.
Su quest'ultimo punto concorda anche Alessandra Graziottin, direttrice del centro di ginecologia del San Raffaele di Milano, in quanto la presenza di questo ispessimento rappresenta una premessa anatomica importante per il raggiungimento dell'orgasmo vaginale, ma le donne che scopriranno di non averlo, possono stare tranquille perché questo è soltanto uno dei modi possibili per raggiungere il piacere. Ma non è l'unic

Condividi post

Repost 0
Published by lalchimista - in amore e sessualità
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens