Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 luglio 2013 3 10 /07 /luglio /2013 10:47

La zona euro è piena di paesi colpiti in questi giorni, e questa “isteria” di solito porta l’idea che il modo migliore di questi paesi sarebbe quella di lasciare il blocco della moneta unica.

La grande paura è che per reintrodurre una moneta nazionale, un paese dovrebbe ridenominare forzatamente attività e passività. Per le imprese, le famiglie e gli investitori, l’incertezza circa se i loro euro alla fine saranno confiscati e sostituiti con una moneta nazionale degradata potrebbe portare alla fuga di capitali, il caos economico e anni di contenzioso, se non peggio.

Ma c’è un’alternativa alla ridenominazione forzata. La Grecia o qualsiasi altro paese della zona euro potrebbe facilmente reintrodurre una moneta nazionale, senza generare il tipo di calamità finanziaria ed economica immaginato finora fornito ha ottenuto la meccanica giuste.

The key is to fix the initial amount of new currency to be issued while allowing the market to set the price at which the exchange takes place. In this scenario, the central bank would announce that it is willing to purchase euros from domestic banks, the Greek public and anyone else, using newly issued drachmas as payment. All such transactions would take place during a specified transition period and be entirely voluntary. This would not be an exercise in confiscation.

La chiave è quella di fissare l’importo iniziale della nuova moneta da emettere, consentendo al mercato di fissare il prezzo a cui avviene lo scambio. In questo scenario, la banca centrale annuncia che è disposta ad acquistare euro dalle banche nazionali, il pubblico greco e chiunque altro, utilizzando dracme di nuova emissione come pagamento. Tutte queste operazioni si svolgeranno nel corso di un periodo di transizione specificato ed sarà del tutto volontario. Questo non sarebbe un esercizio di confisca.

Dopo il periodo di transizione, il governo greco dovrebbe trattare solo in dracme nelle sue transazioni finanziarie, giorno per giorno. Nessuno sarebbe costretto a tenere dracme, ma coloro che desiderano negoziare con il governo avrebbe bisogno di dracme per farlo.

All’inizio del periodo di transazione, la banca centrale dovrebbe annunciare il tasso iniziale a cui ha offerto di scambiare dracme per euro, ma non farebbe esplicitamente alcuna promessa di ciò che il tasso sarà in futuro. Il tasso iniziale sarebbe del tutto arbitrario, come del resto sarebbe il nome della nuova moneta.

Ma supponiamo che abbiano mantenuto lo stesso nome e hanno optato per, diciamo, 360 dracme per euro. Questo è vicino al tasso al quale la Grecia ha adottato l’euro e, insieme con il vecchio nome, darebbe alla nuova moneta una sensazione familiare. In termini economici, tuttavia, il tasso iniziale è in gran parte irrilevante.

La banca centrale dovrebbe anche fare la promessa di rilasciare una quantità precisa di dracme nel corso del periodo di transizione. Tale importo nel nostro esempio sarebbe 360 ​​volte la stima della banca centrale della quantità totale di euro di liquidità dei residenti greci e, vale a dire, più o meno la quantità di moneta in circolazione in Grecia.

La banca centrale dovrebbe anche fissare la durata del periodo di transizione. Se per esempio fosse fissato in tre anni, o 36 mesi, quindi la banca centrale annuncia che le vendite mensili di dracme per euro sarebbero almeno 1/36esimo dell’importo totale deve essere rilasciato durante la transizione. Il tasso mensile potrebbe alla fine essere più alto se la domanda è abbastanza forte, cioè, se la gente rapidamente guadagnasse la fiducia nella nuova moneta.

Il prezzo offerto per l’euro potrebbe essere regolato su base quotidiana per generare vendite di euro, verso la Banca centrale, della grandezza desiderata. Le vendite del primo giorno possono anche essere pari a zero. Ma, come il prezzo di acquisto offerto aumenta gradualmente, alcune persone sarebbero disposte fare delle “scommesse”. Alla fine sarà stabilito un prezzo al quale vi sia stata una significativa domanda delle nuove dracme. Le persone assumeranno il rischio che il prezzo dell’euro aumenterà nel futuro, cioè, che la nuova dracma possa deprezzarsi.

D’altra parte, ci sarebbe anche la possibilità che la dracma si apprezzerà, nel caso in cui il fallimento della vendita del proprio stock di euro comporterà un mancato guadagno di capitale speculativo. Ci sono sempre persone disposte a prendere tali rischi per il giusto prezzo.

Una volta che tale prezzo sarà stato trovato, il flusso di dracme per il grande pubblico e per le banche, grosso modo corrisponderebbe al volume minimo previsto. Come la gente comincerà a rendersi conto che le altre persone e le istituzioni finanziarie sono disposte a correre il rischio di acquistare questo nuovo asset – il cui valore futuro finanziario potrebbe solo essere immaginato – sempre più persone sarebbero disposte a correrne il rischio. Ci potrebbe essere una domanda talmente forte che il prezzo offerto per l’acquisto di euro potrebbe alla fine essere ridotto.

Non importerebbe dove il tasso di cambio alla fine si troverà. La banca centrale prende sempre qualcosa (euro) in cambio di niente (pezzi di carta o di metallo che trasportano l’etichetta “dracma”). Questo è noto come “signoraggio”.

Una volta che ci saranno dracme sufficienti in circolazione, un mercato per lo scambio di dracme per euro si svilupperà insieme e alla fine prenderà il sopravvento.A quel punto la Grecia sarebbe in grado di avere una politica monetaria indipendente di nuovo, in meglio o in peggio.

Tornando alla dracma, essa non curerà tutte le disgrazie della Grecia. Le conseguenze di anni di politica fiscale irresponsabile, cattive politiche microeconomiche e inadeguata supervisione delle banche commerciali non possono essere risolti semplicemente reintroducendo una moneta nazionale.

Ma è importante capire che abbandonare l’euro non scatenerebbe l’inferno sulla Grecia. Una soluzione ordinata, basata sul mercato è disponibile se e quando sarà presa la decisione di premere il grilletto.

Condividi post

Repost 0
Published by lalchimista - in Banca e Finanziamenti
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens