Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
17 luglio 2013 3 17 /07 /luglio /2013 09:49




 

Charles Darwin non era ancora 30enne quando ha avuto l'idea di base per la teoria dell'evoluzione. Ma non è stato che all'età di 50, che ha presentato la sua tesi per il mondo. Egli ha trascorso questi due decenni metodicamente nella compilazione di prove per la sua teoria e venire con le risposte giuste a tutte le contro-scettico che potessero pensare. E la contro che ha anticipato più di tutte era che il processo evolutivo graduale che aveva in mente non riusciva a produrre certe strutture complesse.

Considerare, ad esempio, l'occhio umano. Si compone di molte parti, una retina, una lente, muscoli, gelatina, e così via, tutti elementi che devono interagire per la vista che se si verifica un danno da una parte si può staccare la retina, per esempio, e la cecità che ne consegue. Infatti, l'occhio funziona soltanto se le varie parti sono della giusta dimensione e la forma di lavorare in simbiosi con un altro. Se Darwin avesse avuto ragione, allora l'occhio complesso era evoluto da precursori semplici. Nella sua teoria Sulla origine delle specie , Darwin scrisse che questa idea "mi sembra, e lo confesso liberamente, assurda nel più alto grado possibile."

Ma Darwin poteva comunque vedere un percorso per l'evoluzione della complessità.  In ogni generazione, gli individui variano nella loro tratti. Alcune varianti hanno aumentato la loro sopravvivenza e ha permesso loro di avere più figli. Nel corso di generazioni quelle variazioni vantaggiose sarebbero diventato più comuni , in una parola, essere "selezionati"., come nuove variazioni emerse e diffuse, potrebbero gradualmente armeggiare con l'anatomia, la produzione di strutture complesse.

L'occhio umano, Darwin sosteneva,  si potuto avrebbe potuto evolvere da una semplice patch di luce che cattura di tessuto del tipo che gli animali come vermi piatti crescono oggi. Selezione naturale avrebbe potuto trasformare la patch in una tazza che potrebbe rilevare la direzione della luce. Poi, qualche caratteristica aggiunta avrebbe funzionato con la tazza di migliorare ulteriormente la visione, migliore adattamento di un organismo al suo ambiente, e quindi questo precursore intermedio di un occhio sarebbe stato tramandato alle generazioni future. E, passo dopo passo, la selezione naturale potrebbe guidare questa trasformazione una maggiore complessità, perché ogni forma intermedia fornirebbe un vantaggio su quello che è venuto prima.

Riflessioni di Darwin sull'origine della complessità della specie ha trovato sostegno nella biologia moderna. Oggi i biologi possono sondare gli occhi e altri organi in ogni dettaglio a livello molecolare, dove si trovano le proteine ​​immensamente complesse unendo insieme per rendere le strutture che hanno una notevole somiglianza di portali, nastri trasportatori e motori. Tali sistemi complessi di proteine ​​possono evolvere da quelle più semplici, con la selezione naturale che favorisce gli intermedi lungo il percorso.

Ma di recente alcuni scienziati e filosofi hanno suggerito che la complessità può sorgere anche attraverso altre vie. Alcuni sostengono che la vita ha la tendenza incorporata per diventare più complessa nel corso del tempo. Altri sostengono che da mutazioni casuali sorgono, e la complessità emerge come effetto collaterale, anche senza la selezione naturale per aiutarlo a lungo. Complessità, dicono, non è semplicemente il risultato di milioni di anni di messa a punto attraverso la selezione naturale, il processo che Richard Dawkins  prevedeva era notoriamente soprannominato "l'orologiaio cieco." In una certa misura, succede e basta.

Una somma di varie parti

Biologi e filosofi hanno riflettuto sull'evoluzione e della sua complessità per decenni, ma secondo Daniel W. McShea, un paleobiologo alla Duke University, sono stati fatti calcoli errati partendo da definizioni vaghe. "Non è solo che non sanno come mettere un numero giusto su di esso ma non sanno neanche cosa si intende con la parola evoluzione ", dice McShea.

McShea è stato nel giusto contemplando questa domanda per anni, lavorando a stretto contatto con Robert N. Brandon, anche alla Duke.  McShea e Brandon suggeriscono che guardiamo non solo il gran numero di parti che compongono gli esseri viventi, ma i tipi di parti. I nostri corpi sono fatti di 10 trilioni di cellule. Se fossero tutti dello stesso tipo, saremmo cumuli piatti di protoplasma. Invece abbiamo cellule muscolari, globuli rossi, cellule della pelle, ecc. Anche un singolo organo può avere molti tipi di cellule differenti. La retina, per esempio, ha circa 60 diversi tipi di neuroni, ognuno con un compito distinto. Con questa misura, possiamo dire che noi esseri umani siamo, infatti, più complessi di un animale come una spugna, che forse ha solo sei tipi di cellule.


Condividi post

Repost 0

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens