Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 giugno 2011 2 21 /06 /giugno /2011 08:11

2934853259_d9999ffc1b.jpgOgni tanto si sente parlare di incidenti legati alle caldaie a gas dovute al mal funzionamento ed alla cattiva manutenzione, portando sempre in primo piano il problema sicurezza di esse ormai indispensabili nelle nostre case. Questa vuole essere una piccola guida alla loro sicura efficienza.

controlli sui rischi

Dalle ultime statistiche di Confartigianato solo il 70% delle caldaie italiane sono seguite da una corretta manutenzione da parte di tecnici specializzati, e negli ultimi 4 anni si sono registrati 163 casi di incidenti domestici a causa del loro malfunzionamento.

Sparsi sul territorio nazionale e la maggior parte causati da poco ricambio d'aria dei locali e la carenza di manutenzioni. Gli impianti a rischio risultano essere le caldaie autonome, scaldabagni e apparecchi di cottura.

come effettuare la manutenzione periodica

Esiste un decreto legge il 192/2005 che stabilisce i tempi e le modalità delle verifiche degli impianti e recita che gli impianti di potenza nominale di 35 KW" i controlli vanno effettuati almeno una volta all'anno.

Quelli inferiori a 35 kw" praticamente le caldaie che abbiamo in casa, cioè autonomi, devono essere controllati ogni due anni quando l'impianto sia "vecchio" di almeno 8 anni mentre per quelli più "giovani" il decreto stabilisce il controllo ogni 4 anni per i locali abitati.

Tenendo presente comunque la pericolosità tendenziale del gas e considerando che oggi la manutenzione data in abbonamento annuale ad una azienda specializzata, essa fornisce assistenza per ogni anno con una spesa modica che si aggira in media sui 60/70 € e 150 per il controllo dei fumi che era già obbligatorio prima del citato decreto.

In tal modo si può essere sicuri che non si correrà alcun rischio, dormendo sonni tranquilli e si potrà accendere la propria caldaia, quando i comuni permetteranno il riscaldamento domestico, specie al nord.

Dette aziende provvederanno ad avvisare gli utenti della scadenza per la verifica e fisseranno il giorno per i relativi controlli, riparazioni e pulizia caldaie.

come verificare il lavoro eseguito

Il tecnico ogni 4 anni eseguirà il controllo fumi e la revisione caldaia se ha meno di 8 anni e se la essa è posizionata all'esterno dell'appartamento. Invece ogni 2 anni se la stessa è posizionata all'interno dell'immobile ed ha meno di 8 anni e non è a tenuta stagna.

Comunque qualsiasi piccolo o grande inconveniente si dovesse riscontrare in essa, o magari non si riaccende, non esitare ad avvisare subito la ditta manutentrice, che invierà un proprio addetto. Meglio non fare mai da sé in questi casi.

Comunque è opportuno segnalare che le associazioni dei consumatori hanno effettuato una indagine sui costi di manutenzione ottenendo un calmieramento di essi, d'intesa col movimento difesa del cittadino. Consultarle in caso di dubbi. info@mdc.it

Flame of gasDannata caldaia

Condividi post

Repost 0
Published by giuseppe esposito lalchimista - in Sicurezza e Allarmi
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens