Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
3 giugno 2011 5 03 /06 /giugno /2011 22:48

2482242803_291cc359e0.jpgI tappeti in seta hanno un fascino tutto particolare, per la preziosità del materiale impiegato, per la lucidità e per la sua esecuzione accuratissima perché in genere la seta viene usata solo da maestri annodatori e non da semplici artigiani. Ma sarà seta di baco o seta bacata?

Per acquistare un tappeto in seta naturale bisogna prima conoscere alcuni principi fondamentali, perché è uno dei settori ove più facilmente si può cadere nell'inganno se non si ha la massima fiducia nel commerciante che lo propone. Sul mercato vi sono troppe manifatture: persiane, indiane, anatoliche, cinesi che eseguono tappeti in seta, ma non sempre questa è naturale.

La prima analisi grossolana di un tappeto in seta naturale è quello della sericità e sofficità. Basta piegare un angolo e se appare morbido e soffice può essere seta di baco, se invece l'angolo è abbastanza rigido significa che sono stati usati fili di materiale sintetico. Poi bisogna vedere se la struttura del manufatto è seta su seta oppure la seta è stata usata solo in parte, per la tramatura, oppure per il vello solamente.

Partiamo dal presupposto che un tappeto in seta naturale costa molto di più di uno lana-cotone quindi già questo è indicativo, se costa poco non può essere in seta perché già la materia prima costa. Ed ecco dove si può cadere nell'equivoco, mercanti con pochi scrupoli possono approfittare proprio di questa circostanza e chiedere un prezzo esorbitante per una produzione scadente ma accattivante. Se costa un foulard figuriamoci un tappeto!

Esiste poi la prova del fuoco: prendete una piccola fibra del tappeto in questione, avvicinatelo alla fiamma di un accendino e avrete questi risultati:

1) Se ciò che brucia è lana, si attorciglierà su se stessa, sfrigolando e lasciando un residuo informe

2) Se è materiale sintetico farà una sola fiammata,come una pellicola.

3) se è seta naturale essa non brucia, ma formerà un residuo chiaro emanando un odore pungente.

Si potrebbe fare inoltre la prova chimica con un solvente che è anch'esso affidabile e dissolve la seta, ma è macchinoso.

Logicamente nessun mercante vi darà la possibilità di fare un esperimento simile, a meno che chi vi vuole vendere il tappeto sia in perfetta buona fede, anzi vi caldeggerà a farlo.

Baco da seta su foglie di gelso

Condividi post

Repost 0
Published by giuseppe esposito lalchimista - in Accessori e Ricambi
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di lalchimista
  • Blog di lalchimista
  • : Sono poeta,scrittore e saggista,esperto in tappetologia,quindi questo spazio sarà dedicato a queste mie passioni,chi ama la paesia o i tappeti orientali troverà tanti consigli utili e la consulenza gratuita per i vostri tappeti perchè sono convinto che chi è in possesso di conoscenze tecnico-scientifiche le deve mettere a disposizione di tutti,altrimenti è come se non fossi mai vissuto una volta morto. Sono reperibile su flyngcarpet@hotmail.it
  • Contatti

Recherche

Liens